“Di notte ti cerco; al mattino ti cerco seriamente …”

Isaia 26: 9
La mia anima anela per te nella notte;
    al mattino il mio spirito desidera ardentemente te.
Quando i tuoi giudizi verranno sulla terra,
    la gente del mondo impara la giustizia.
 
Leggiamolo come da “Versione inglese contemporanea”

Per tutta la notte, il mio cuore ti cerca, perché le tue decisioni mostrano a tutti su questa terra come vivere nel modo giusto.

Con la mia anima … nella notte – Desiderando Dio nella notte e cercandolo presto, si intende che il desiderio di cercarlo è incessante e costante. Nella notte; cioè “la lunga notte dell’afflizione”. Ti cercherò presto;

La Bibbia dice che non è un semplice desiderio egoistico per la cessazione della persecuzione che fa desiderare i giusti di desiderare il tempo in cui i giudizi di Dio si manifesterebbero sulla terra, ma una convinzione che così si farebbe solo un’impressione sui persecutori, e un certo numero di essi è indotto a imparare la giustizia. Quindi le punizioni che ha inflitto avevano lo scopo di indurre le persone a imparare la giustizia.

Impara la giustizia: il progetto è di avvertire, frenare e riformarli. Il riferimento immediato qui fu senza dubbio per gli ebrei, in cui questo effetto fu visto in modo notevole nella loro prigionia a Babilonia. Ma è anche vero per le altre nazioni; e sebbene l’effetto della calamità non sia sempre quello di rivolgere un popolo a Dio, o renderlo permanentemente giusto, tuttavia li trattiene e li conduce almeno a una riforma esterna, è vero anche per quanto riguarda le nazioni e gli individui , che fanno un progresso più deciso in virtù e pietà nei giorni di afflizione che nel tempo di una grande prosperità esterna.

Quindi la Bibbia ci insegna che i problemi che affrontiamo hanno lo scopo di portarci a Dio che attraverso le afflizioni gli uomini impareranno a temere Dio.
Quindi il nostro Dio vuole che ci dedichiamo completamente a Lui, in modo da garantire stabilità e pace.

La Bibbia spiega la ragione del giusto giudizio di Dio sull’umanità: “affinché il mondo sappia che io sono il Signore”.

Non è volontà di Dio che qualcuno perisca, ma che tutti giungano alla fede in Cristo. Che noi non ci stanchiamo di fare bene, ma di dare una buona notizia del vangelo della grazia – che Cristo è morto per il nostro peccato, che è stato seppellito e risuscitato – in modo che chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna.

Per la sua gloria …

Advertisements

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.