Grazie a Dio in tutte le circostanze

1 Tessalonicesi 5:18 ringraziano in ogni circostanza; poiché questa è la volontà di Dio per te in Cristo Gesù.

La Bibbia ci dice di essere “grati in tutto e in ogni circostanza”. Essere grati non è solo per la stagione del Ringraziamento. Siamo stati benedetti con il dono gratuito della salvezza e della vita eterna! Ci troviamo sopraffatti dai pesi e preoccupati per il domani, possiamo lodare Dio per quello che è e la sua promessa di non lasciarci mai o abbandonarci.

La gratitudine è un batticuore. Mantiene i nostri occhi concentrati su Dio, la fonte di tutti i buoni doni. Mantiene i nostri cuori aperti e con i cuori aperti, i frutti dello Spirito – amore, gioia, pace, pazienza, gentilezza, bontà, gentilezza e autocontrollo – hanno ampio spazio per crescere.
Ci fermiamo per ringraziare per il cibo, i familiari e gli amici riuniti intorno al tavolo nel mezzo della preparazione di pasti elaborati e della navigazione delle relazioni familiari.

La canzone del mare è uno dei più antichi testi sopravvissuti che descrivono l’Esodo, probabilmente scritto fino a tremila anni fa. Quando succede qualcosa di significativo e di grosso nelle nostre vite, sembra incorporato nel nostro DNA da celebrare con la canzone. Le canzoni diventano punti di riferimento nella nostra memoria, risorgono decenni dopo e restituiscono gioia ai nostri occhi, ringraziamento ai nostri cuori.

In tempi di incertezza, può sembrare strano rivolgersi alla gratitudine, ma pensaci: quando altro dovremo affidarci maggiormente a Dio se non di fronte all’ignoto? La canzone di Mary, registrata dopo l’incontro con sua cugina Elisabetta, è un perfetto esempio del tipo di elogio che possiamo dare quando il futuro sembra incerto. Per essere incinta fuori dal matrimonio, Mary avrebbe potuto essere evitata. Mary avrebbe potuto essere scacciata dalla sua famiglia. Maria avrebbe potuto essere condannata a morte. Eppure Mary ringrazia per questa nuova cosa, questo regalo inaspettato.

Ancora e ancora, i salmi ci mostrano cosa significa essere grati, anche nei momenti di paura, tristezza e dolore. La gratitudine distoglie lo sguardo dal dolore, dal terrore e dall’ansia della perdita e ci aiuta a concentrarci sui doni di questo mondo, facendoci avanzare lungo il processo di guarigione. Esempio di lavoro: dopo che perde la sua famiglia, sua moglie, i suoi beni e la sua salute, Giobbe, il sofferente dei malati, grida: “Nudo, vengo dal grembo di mia madre e nudo partirò. Il Signore ha dato e il Signore ha tolto; sia lodato il nome del Signore ”.

A volte Dio si sente distante o in silenzio. Quando questo accade nelle nostre vite, le emozioni piene di gioia, empatia, dolore e rabbia sembrano livellarsi verso la monotonia, la routine e la noia. Se Dio sembra distante, il desiderio di lodarlo e ringraziare per la routine non è così eccitante come le altre stagioni, quando le cose vanno bene, la vita è piena e la gioia è facile. La Bibbia ci mostra il ringraziamento come risposta a Dio, anche quando tace, anche quando non ne abbiamo voglia. Questo sacrificio di ringraziamento ci trascina alla presenza del Signore.

Ci sono anche momenti in cui la vita non sembra proprio una stagione di gratitudine. Forse hai una malattia cronica. Forse ti stai prendendo cura di un genitore anziano o di un bambino con bisogni speciali. La gratitudine per queste circostanze – anche quando ogni giorno porta nuove sfide – ci aiuta a trovare speranza e significato. Paolo scrive alla chiesa di Roma: “Non solo, ma gloria anche nelle nostre sofferenze, perché sappiamo che la sofferenza produce perseveranza; perseveranza, carattere; e carattere, speranza. E la speranza non ci fa vergognare, perché l’amore di Dio è stato riversato nei nostri cuori attraverso lo Spirito Santo, che ci è stato dato ”.

La gratitudine collettivamente come famiglia o comunità è un grande equalizzatore – quando sono presenti differenze di opinione e posizione politica o religiosa o culturale, la gratitudine ci aiuta a concentrarci sulle aree delle nostre relazioni che contano di più.

C’è qualcosa nell’esprimere la tua gratitudine per una persona – non solo dire grazie quando fanno qualcosa, ma dire grazie per essere solo – che forma un legame di fiducia nella tua relazione. Riconosce una caratteristica particolare di una persona che aumenta la sua stima. La gratitudine per un’altra persona può essere uno dei modi più efficaci e concreti in cui possiamo costruirci l’un l’altro.

Bene!! i miei amici ovunque e ogni volta che vi trovate profondamente collegati a Dio – nella natura, in una cappella, nel vostro cortile, nella meditazione silenziosa – è un’opportunità di gratitudine e gratitudine.
 
Per la sua gloria

Advertisements

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.